Il terzo uomo soundtrack

di 0 , , Permalink 0

La musica di Anton Karas in questo film è l’espressione di uno stile che va oltre il film, sono le immagini sghembe della Vienna post bellica e il sorriso di Orson Welles che appare, per un attimo, beffardo, nella notte. Ovvero, il casino incredibile che c’è dentro di noi e fuori di noi e il desiderio osceno di sbattersene i coglioni… Il punto fondamentale che è il nocciolo insondabile della tragedia contemporanea era già scritto in questo film: perchè la Valli pur sapendo che Orson Welles ne ha combinate di tutti i colori continua ad amarlo?

No Comments Yet.

Rispondi