Il paradosso di Neil e Leia

di 2 , , , Permalink 0

L’astronauta Neil Armostrong e l’attrice Carrie Fisher cos’hanno in comune? Che rapporto c’è tra il primo uomo che mise piede sul suolo lunare e l’attrice che interpretò la principessa Leia in “Star Wars”? apparentemente nulla ma riflettendoci bene i due personaggi sono un paradosso divertente almeno del mio personale mondo fantastico e forse anche del vostro. Armstrong mancato in questi giorni benchè titolato eroe del suo secolo è stato vittima nel corso degli anni di un dubbio che si insinuato come un tarlo nell’immaginario collettivo, ovvero che quell’evento sia stata una grande bufala e che lui non sia mai stato sulla luna. Carrie Fisher anche se probabilmente nella sua vita si sarà alzata da terra per l’esperienza normalissima di viaggiare in aereo è assolutamente radicata nell’immaginario collettivo come la principessa Leia e non riesco a togliermi dalla testa che proprio in questo momento sia alla guida di qualche astronave sfuggendo agli intercettori della Morte Nera. Una perversa combinazione di idee sembra indurre a un certo godimento nel pensare che Armostrong fosse, in realtà all’interno di enormi studi televisivi predisposti per ingannare milioni e milioni di telespettatori mentre Leia stia effettivamente scarrozzando ancora oggi sul Millenium Falcon tra una galassia e l’altra in compagnia di Chewbecca e Ian Solo. Scherzi della società dello spettacolo ma alla fine è pur vero che ambedue i personaggi vero e fittizio fanno parte della scatola dei sogni che mi porto dietro e con una concessione alla fantasia mi piace pensare che non solo Neil è stato effettivamente sulla Luna ma che anche lui adesso è sul Millenium Falcon.

2 Comments
  • Galliolus
    settembre 10, 2012

    Per come la vedo io, si tratta di due persone reali. L’unica differenza è che la principessa Leila è vissuta tanti, tanti anni fa, in una galassia lontana lontana.

  • Giovanni
    settembre 12, 2012

    Io, alla Caputo, mi aspetto sempre che arrivi l’astronave con Leia a bordo… 🙂

Rispondi